Biografia

Fabio Pantano è nato a Latina nel 1976.

Fin da adolescente gioca con l'arte, sperimenta monta smonta e rimonta la materia e i materiali.

Scolpisce scafi d'imbarcazioni, volti, forgia i metalli. Dipinge mescolando colle, vernici e scarti industriali cercando dimensioni astratte. Talvolta ridona vita ad oggetti dimenticati, instaurando un contatto con l'anima stessa dei manufatti trovati, è come se gli chiedesse: e...ora cosa preferisci diventare?


Dopo il diploma inizia un percorso di scrittura. La poesia divenne un piacere necessario e mezzo per sviluppare il gusto, ordinare idee e darsi regole stilistiche. Erra: estremizza, lima e spoglia la poesia, mirando alla formula assoluta del concetto, privandola però di bellezza e musica.

L'arida vena lo dirotta alla sperimentazione artistica: strumento primordiale che traduce d'impulso. Utilizzando una molteplicità di tecniche e materiali oltre opere puramente figurative crea oggetti di design come sgabelli, tavoli, elementi d'arredo e molto altro.

Negli anni ha partecipato a diverse mostre collettive ed esposizioni, riscuotendo un notevole interesse. Oggi impegnato a soddisfare le sue necessità di espressione artistica, presto sarà possibile visitare il suo laboratorio-studio aperto a chiunque lo desideri.

                                                                                
"Dopo un iniziale periodo di sperimentazione poetica, che prosegue tuttora, Pantano si dedica alla pittura dall'età di vent'anni. Già dagli esordi da autodidatta è chiara un'invenzione creativa che non si accontenta dei classici strumenti del pittore: esclusivamente tempere e olio, Pantano preferisce i materiali d'uso tecnico-industriale e oggetti trovati sui quali prosegue con interventi pittorici a smalto, olio, acrilico. Ad oggi Pantano vanta una vasta produzione di opere che spaziano dalla pittura all'assemblaggio con numerosi quadri tridimensionali a tecnica mista, e una serie di scatole lignee dipinte. Ha partecipato a mostre collettive tenutesi a Latina negli ultimi quindici anni."











Posta un commento

0 Commenti